Nuovo Ecolabel UE turismo: le novità


La Decisione (UE) 2017/175 che stabilisce i criteri per l’assegnazione del marchio Ecolabel UE alle strutture ricettive abroga e sostituisce le Decisioni precedenti (Dec. 2009/578/CE per le strutture ricettive e Dec. 2009/564/CE per i campeggi): riportiamo le principali novità annunciate da ISPRA.

La notizia riguarda le 229 strutture certificate in Italia; il nostro Paese infatti è il secondo in Europa per numero di licenze Ecolabel UE attribuite a servizi di ricettività turistica, subito dopo la Francia.

Le strutture ricettive interessate a richiedere la concessione del marchio dovranno quindi rispettare i nuovi requisiti indicati nella Dec. 2017/175, così come tutte quelle strutture che intendono mantenere la propria certificazione Ecolabel UE: in questo secondo caso la certificazione rilasciata con le precedenti decisioni sarà valida fino al 25/09/2018.

La novità più evidente contenuta nuova Decisione è l’accorpamento in un unico documento delle diverse tipologie di strutture ricettive (hotel, b&b, agriturismi, affittacamere, ostelli e campeggi) assieme a una diminuzione del numero totale di criteri ambientali, che passano dai 90 della decisione 2009/578/CE e dai 97 della decisione 2009/564/CE ai 67 della decisione 2017/175/UE.

A ben vedere, tuttavia, la riduzione è solo apparente, in quanto molti criteri sono stati aggregati,;pertanto nessun aspetto ambientale già trattato in passato è stato omesso anche nei nuovi documenti, che continuano a riferirsi a criteri obbligatori e facoltativi. I “tagli” hanno interessato maggiormente i criteri facoltativi (circa 20 in meno), mentre i criteri obbligatori sono stati ridotti di poche unità. Alle strutture che vogliono richiedere la licenza d’uso del marchio Ecolabel UE è richiesta la conformità a tutti i criteri obbligatori e a un numero sufficiente di criteri facoltativi al fine di ottenere il punteggio minimo richiesto variabile a seconda dei servizi offerti. Rispetto alle due decisioni abrogate, la Dec. 2017/175 ha generalmente rivisto tutti i criteri allineando alcuni requisiti tecnici ai vigenti regolamenti europei. Tra le novità più interessanti è l’obbligo della struttura di seguire una procedura documentata per ottimizzare l'equilibrio tra la produzione di rifiuti da imballaggio e quella dei rifiuti alimentari del servizio di ristorazione, con l’obiettivo quindi di ridurre gli sprechi di cibo. Resta vietato l’uso di monodose per gli alimenti non deperibili come caffè, zucchero, cacao in polvere, mentre nelle stanze sono ammesse le confezioni monodose di zucchero e caffè biologici o da commercio equo e solidale e le capsule di caffè se vengono restituite al produttore per essere riciclate. Non ci sono variazioni sui requisiti energetici richiesti agli apparecchi per il riscaldamento d’ambiente esistenti al momento della presentazione della domanda, mentre gli impianti che saranno installati durante la validità della licenza dovranno essere adeguati ai requisiti della pertinente normativa comunitaria.

Particolarmente eclatante è la modifica del criterio sull’efficienza energetica dell’illuminazione: precedenti decisioni imponevano che almeno l’80% delle lampadine fosse a basso consumo; la nuova decisione invece obbliga a raggiungere questa percentuale solo dopo due anni dall’ottenimento della licenza Ecolabel, imponendo un ben più basso 40% di lampadine di classe A al momento della presentazione della domanda di certificazione.

Tra le novità tra i criteri facoltativi segnaliamo quella sulla politica del lavoro volta a garantire vantaggi sociali al personale come tempo libero per la formazione, pasti gratuiti o buoni pasto, uniformi e abbigliamento professionale gratuiti, sconti su prodotti/servizi presso la struttura ricettiva, regime sovvenzionato di trasporti sostenibili, cauzione per ottenere un mutuo.

Scopri i servizi di Punto 3 nell'ambito del turismo sostenibile

Condividi: